Lessico


Efesto o Vulcano

Efesto

Dio greco, simbolo dell'esperienza del fuoco come elemento di civiltÓ e, quindi, di ordine, tanto a livello cosmico quanto a livello umano. In cosmogonia gli si attribuiva il perfezionamento dell'universo ottenuto con la costruzione di solide dimore per gli dei quale garanzia dell'assetto cosmico; aveva inoltre fornito a Zeus lo scettro per comandare i fulmini e per punire i trasgressori. Sul piano umano esplicava un'azione civilizzatrice con l'introduzione della lavorazione dei metalli e la protezione degli artigiani, sulla cui opera si fondava parzialmente l'ideale antico della comunitÓ civile.

Quale fabbro e incivilitore, Efesto ricorda il fabbro-eroe cultuale di numero si miti africani. Circa la genealogia divina, Efesto era figlio di Zeus ed Era (o, secondo una versione, della sola Era). Destinato a perfezionare il mondo, era imperfetto: infatti lo si raffigurava zoppo e ridicolo. La stessa madre Era lo aveva creduto indegno del consesso divino e, appena nato, lo aveva buttato gi¨ dall'Olimpo, facendolo azzoppare. Secondo un altro mito, era stato Zeus a scagliarlo gi¨ dall'Olimpo: precipit˛ per un giorno intero e cadde sull'isola di Lemno, i cui abitanti si presero cura di lui (Lemno era uno dei suoi luoghi di culto). Nel ridicolo finivano le sue storie d'amore: Atena lo respinse, Afrodite lo tradý; e tuttavia un mito lo faceva sposo fortunato di Aglaia (la pi¨ giovane delle Cariti). Gli si attribuivano parecchi figli, tra cui Erittonio e Palemone.

Vulcano forgia le folgori per Giove
Pieter Paul Rubens (Siegen, Vestfalia, 1577 - Anversa 1640)

Vulcano

Dio di Roma antica. ╚ una divinitÓ arcaica a cui s'intitolavano un sacerdote pubblico (il flamen Vulcanalis), una festa (i Vulcanalia del 23 agosto) e un luogo sacro detto Vulcanale (Vulcanal o Area Vulcani), sul lato settentrionale del Foro. Circa la natura originaria del dio poco si pu˛ dire, dato che fu ben presto identificato con il dio greco Efesto e quindi ci Ŕ presentato con le stesse connessioni che quest'ultimo aveva con il fuoco.