Lessico


Erodoto

da Veterum illustrium philosophorum etc. imagines (1685)
di Giovanni Pietro Bellori (Roma 1613-1696)

In greco HŰrˇdotos. Storico greco (Alicarnasso in Caria ca. 485 - forse Atene ca. 425 aC). Appartenne a una famiglia assai influente nella quale il sangue greco si mescolava con quello cario. Per sfuggire alle persecuzioni di Ligdami II, che governava sotto il protettorato persiano, Erodoto sarebbe fuggito a Samo, da dove rientr˛ in patria dopo la cacciata del tiranno.

GiÓ nel 454 aC intraprese una serie di viaggi, che lo portarono ad Atene, dove pare abbia iniziato la composizione dei suoi scritti, in Egitto, Fenicia, Mesopotamia e sulle coste del Mar Nero. Via via raccoglieva materiale storico ed etnografico; nel 446 era di nuovo ad Atene, intento alla stesura di altre parti della sua opera. La loro pubblica lettura suscit˛ nella cittÓ fortissimo interesse; se ne trovano echi nel teatro di un grande amico di Erodoto, Sofocle.

A sua volta il contatto con la capitale culturale del mondo greco d'allora, dominata dalla personalitÓ di Pericle, agý profondamente non solo sulla cultura, ma anche sulla visione storica di Erodoto e fece maturare pi¨ chiaramente il disegno della sua opera. Nel 444 egli partiva alla volta dell'Italia meridionale con una spedizione inviata da Pericle a fondare la colonia di Turi, sul luogo dell'antica Sibari.

Gli eventi successivi della sua vita sono assai incerti; quasi sicuro pare il suo ritorno in Grecia e la pubblicazione, postuma, delle sue Storie nel 425 aC. Le Storie ci sono giunte per intero, divise dai grammatici alessandrini in 9 libri, ciascuno col nome di una Musa. Il I narra la conquista dell'Asia da parte dei Medi e dei Persiani, fino alla morte di Ciro il Grande. Il II libro riguarda l'Egitto, prendendo lo spunto dalla sua conquista a opera del successore di Ciro, Cambise. Il III libro prosegue con la morte di Cambise e la presa del potere di Dario e l'ordinamento da lui dato all'impero. Nel IV libro si hanno la spedizione di Dario in Scizia e quella del satrapo Ariande a Cirene, con descrizione dei Paesi conquistati. A questo punto l'attenzione si sposta decisamente verso l'Occidente e il racconto diviene pi¨ lineare e serrato: prodromi delle guerre tra Persiani e Greci, con l'insurrezione della Ionia (libro V); partenza degli eserciti di Dario e loro sconfitta a Maratona a opera degli Ateniesi nel 490 aC (libro VI); successione di Serse sul trono di Persia e nuova, pi¨ grandiosa spedizione in Grecia per terra e per mare, lo scontro delle Termopili (libro VII); evacuazione di Atene da parte degli abitanti, animati da Temistocle, occupazione della cittÓ da parte dei Persiani e loro clamorosa sconfitta nelle vicine acque di Salamina, l'anno 480 aC (libro VIII); ulteriore sconfitta della spedizione per terra a Platea, l'anno successivo, e conquista di Sesto sull'Ellesponto da parte degli Ateniesi nel 478 aC (libro IX).

La varietÓ del materiale riunito nell'opera, le frequenti digressioni etnografiche e romanzesche, la sproporzione delle parti hanno fatto nascere spontaneamente il problema della sua composizione: se Erodoto avesse ben chiaro un piano di lavoro fin dall'inizio, o se esso sia venuto maturando solo successivamente.